Urban Renaissance - A Vision of Europe

Vai ai contenuti

Menu principale:

Research > Urban Renaissance


U R B A N   R E N A I S S A N C E

Rue de Laeken Bruxelles avoe


STOP SPRAWL:
CHANGE TO URBAN



Avoe Urban Renaissance Campaign starts in 1992 with Triennale I.

THE NEW URBAN WORLD
PRATICAL SOLUTIONS TO AN EVERYDAY PROBLEM

Saving Money is the name of the game this year.

If You are thinking about the way to go from the contemporary crisis, if You are looking for a place to live, to work, excellent safety and fuel consumption, not to mention stylish good looking, then the Urban World is the answer to your prayers. Forget sub-urban.

In these wepages New Blocks, New Neighborhoods, New Cities are to demonstrate it. New Books, New websites, New Exhibitions and New Conference are testifying it.
Hundreds of demolitions (under silence by all medias) admit the errors of the recent past. The funzionalist brainwashing to which generations of architects have been subordinates in the Universities of all Europe is exhausting its fuel: today the possibility "to choose" THE URBAN WORLD really exists.

In queste pagine Nuovi Edifici, Nuovi Alloggi Sociali, Nuovi Isolati, Nuovi Quartieri, Nuove Città sono a dimostralo. Nuovi Libri, Nuove Webpage, Nuove Mostre e Nuovi Convegni sono a testimoniarlo. Centinaia di demolizioni taciute da tutti i media ammettono gli errori del recente passato. Il lavaggio del cervello funzionalista a cui generazioni di architetti sono stati sottoposti nelle Università di tutta Europa sta esaurendo il suo carburante: oggi la possibilità di scegliere IL MONDO URBANO ESISTE.


WATCHING OUT OF
THE TUNNEL





www.ecocompactcity.org






BOLOGNA 2020 La città che vorrei


____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

A Vision of Europe & The Urban Renaissance


The Urban Renaissance is a term attested since the first Bologna Triennale in 1992 in order to emphasize a project culture based on the traditional principles of the urban spaces and the constructive techniques of the European city.
These years of experiences, observation, studies, the images of this book, concur us to assert that we are inside a new age of Urban Renaissance. Sure this "vision" appears clear to people working on it, more uncertain to the common citizens, or the readers of monotone reviews of architecture. Today the city is damaged and, at the same time, a different concept of planning and constructing is asserted. An Urban Renaissance which is introduced in opposition to the sprawl of "modern" periphery left to us in inheritance from the past century.
The images of the Rebirth pass from the extraordinary experience of the reconstruction of Bruxelles capital city of European Union, to the recent experiences of ri-urbanization of the periphery of Paris, of London and Berlin, touching every latitude of the Old Continent: from Saint Pietroburgo to the architectures of the Portugal on the Atlantic sides, to the new cities constructed in Turkey, from Stockholm and Oslo to the Mediterranean architecture of the new villages constructed in the islands of the Aegean. In continuity with the tradition of the occidental city, using local materials, valuing the peculiar aspects of every site, stretching the hand to the styles of the place.
The Urban Renaissance does not want to be a school, a movement or a tendency, but the occasion to regain the heredity of the culture of the European genius.
The aim is not that one to impose a new ideology, but to convince and to demonstrate through projects of evident quality, that an alternative to the functionalist culture exists, as it should be in a tolerant and democratic civilization.
All the modernist planning seemed to forbid, is now used in these pages: the reconstruction, the styles, the buildings aligned on the street-edges, the public realm, that never-ending-variety of complex urban-spaces born from the combination of simple parts typical of "healthy" traditional urban development.
Today the problem of good part of our peripheries and of many modernist buildings is not only on their existing, but rather than various architects and ideologists want to make to believe us that their construction was and is unavoidable, necessary also in the future In democracy also the architecture and the urban planning are a whole of choices, without no obligation. Anyone who refuse the existence of choices is undemocratic, totalitarian and, consequently, "not-modern" (… for how much futuristic and technological his building, his skyscraper, and his mall could seem).
Today a massive return towards solutions of good sense still exists, according to the philosophy of A Vision of Europe network, and with the current of New Urbanism.

A Vision of Europe e il Rinascimento Urbano


Il Rinascimento Urbano è un termine utilizzato fin dalla prima Triennale di Bologna del 1992 per sottolineare una cultura progettuale basata sui principi tradizionali degli spazi urbani e delle tecniche costruttive della città europea.
Questi anni di esperienze, di osservazione, di studi, e le immagini che seguono ci consentono di affermare che siamo davvero entrati in una nuova epoca di Rinascimento Urbano. Certamente questa "visione" appare chiara agli addetti ai lavori, più incerta ai comuni cittadini, o ai lettori delle monotone riviste di architettura. Oggi la città è rovinata e contemporaneamente si afferma un differente concetto del pianificare e del costruire. Un Rinascimento "Urbano" che si presenta in opposizione allo sviluppo Sub-Urbano delle "moderne" periferie lasciatoci in eredità dal secolo scorso.
Le immagini della Rinascita passano dalla straordinaria esperienza della ricostruzione della Bruxelles capitale dell'Unione Europea, alle recenti esperienze di ri-urbanizzazione delle periferie di Parigi, di Londra e di Berlino, toccando ogni latitudine del vecchio continente: da San Pietroburgo al Portogallo, alla Turchia, da Stoccolma e Oslo all'Egeo. In continuità con la tradizione della città occidentale, con l'utilizzo di materiali locali, valorizzando gli aspetti peculiari di ciascun sito, tendendo la mano agli stili del luogo. La Rinascita Urbana non vuole essere una scuola, un movimento o una tendenza, ma l'occasione di recuperare l'eredità della cultura del genio europeo.
L'obiettivo non è quello di imporre una nuova ideologia, ma convincere e dimostrare attraverso progetti di evidente qualità, che esiste una alternativa alla cultura funzionalista, come giusto che sia in una civiltà democratica e tollerante.
Tutto ciò che la progettazione modernista sembrava proibire è di nuovo utilizzato: la ricostruzione, gli stili, gli edifici allineati sul fronte strada, lo spazio pubblico, quella infinita varietà di spazi urbani complessi che nasce dalla combinazione di parti semplici tipica della "sana" urbanistica tradizionale.

Oggi il problema di buona parte delle nostre periferie e di molti edifici modernisti non è solo nel fatto che esistono, ma piuttosto che diversi architetti e ideologi vogliono farci credere che la loro costruzione era ed è inevitabile, necessaria anche nel futuro.
In democrazia anche l'architettura e l'urbanistica sono un insieme di scelte, senza nessun obbligo. Chiunque rifiuti l'esistenza di scelte in questa materia è di fatto anti-democratico, totalitario e, di conseguenza, "non-moderno" (…per quanto futuristico e tecnologico possa sembrare il suo edificio, il suo grattacielo, il suo ipermercato).

Oggi esiste un massiccio ritorno verso soluzioni di buon senso, in linea con la filosofia del network di cui A Vision of Europe fa parte, e con la corrente del New Urbanism.

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

www.doverkohl.com

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu